Come ti frantumo l’Italia in 20 anni.

A volte scrivere un post troppo prolisso non rende l’idea di cosa si vuole intendere, quindi cercherò di essere molto sintetico in questo post che dovrebbe avere una durata di almeno 20anni.

Partiamo da molto lontano, conoscete un certo Mayer Amschel Rothschild nato a Francoforte sul Meno, 23 febbraio 1744 deceduto a  Francoforte sul Meno, 19 settembre 1812, nato da una famiglia europea giudaico-tedesca? E’ stato un banchiere tedesco, fondatore dell’impero bancario della famiglia Rothschild forse una delle famiglie più potenti del globo. Fondatore della finanza internazionale secondo Forbes, nacque come Mayer Amschel Bauer ma, cambiò da Bauer in Rothschild il suo precedente nome di famiglia. Rothschild (scudo rosso) in riferimento al simbolo ufficiale della sua casata. Questo personaggio disse una delle frasi forse più rilevanti a cui è stata data molta poca importanza ancora oggi :

“Datemi il controllo della moneta di una nazione e non mi importa di chi farà le sue leggi” Mayer Amschel Rothschild, la sua famiglia ancora oggi controlla la FED.

E’ uno di quei personaggi che nei libri di storia non saranno mai ricordati ne menzionati, eppure la situazione economica del pianeta si trova in queste condizioni proprio per quella frase che è il grimaldello del controllo monetario. Grazie ad internet, che ha una memoria indistruttibile e facilmente collegabile, in pochi passi è possibile capire cosa sta per completarsi in Italia e in tutti quei paesi d’ Europa più deboli, che non erano ancora caduti totalmente sotto il controllo dei Rothschild e quindi della finanza internazionale.

Negli ultimi 20 anni sono stati inseriti negli ambiti governativi e del tesoro, personaggi loro “emissari” di cui non voglio fare il nome ma che sono facilmente individuabili. Essi hanno operato nella più grande banca d’affari privata americana la Goldman Sach’s e sono stati assegnati al nostro paese per privatizzarlo e svenderlo; del resto tutti conosciamo la piaga del signoraggio bancario e la storia degli interessi che il nostro paese deve pagare ogni anno a qualcuno. Proprio grazie al signoraggio e agli interessi da pagare questi personaggio hanno iniziato a privatizzarlo. C”è P., c’è D.,  un’altro D., c’è anche M., c’è B., c’è poi P. come politica, che ha dapprima operato nell’eliminare chi non era “allineato” al progetto, mentre G. come giornalismo, che anziché raccontare la realtà dei fatti ha addormentato le masse con notizie di poco conto o con quelle distorte o modificate ad arte aiutandovi a non capire.

Questi camerieri, (senza offesa per i camerieri) hanno aiutato a mettere fuori dalla porta la nostra vecchia moneta facendola “affondare” con i pirati del panfilo Britannia. Necessariamente poi, con la scusa del debito, è partita la privatizzazione dei gioielli di famiglia, e le aziende di stato, a favore dei privati. Gradualmente in 20 anni hanno smontato lo stato sociale, costringendo i nuovi giovani all’ignoranza, perché solo se hai un popolo di ignoranti riesci a controllarlo con più facilità, aiutati anche dalla tecnologia, che se utilizzata male, è un arma a doppio taglio, una grande perdita di tempo che distoglie dagli interessi reali.

Nel nostro paese sta regredendo la sanità pubblica, le telecomunicazioni, con la scusa della “mala gestione”. Nessun manager che ha truffato, infettato, ammazzato, e favorito il debito italiano ha pagato. Conoscete un manager che pur avendo distrutto un bene nazionale, come ad esempio la nostra azienda di Telecomunicazioni, sia stato posto agli arresti, allontanato da qualsiasi altra società per incapacità? No nessuno, cadono tutti in piedi e tutti a piede libero, perché libero è il mercato, perché libere sono le leggi modificate negli anni precedenti ad arte per consentire tutto questo, libere sono le mani di coloro che dovevano indebolire le aziende di stato o quelle a partecipazione statale per rendere l’Italia succube di un nuovo ordine mondiale.

Il progetto è semplice, vogliono far diventare l’Italia un piccolo USI, Stato Unito d’Italia. Sanità privata, scuola privata, pensione privata, governo privato, gestito dalle lobbie, l’unica differenza, è che nel paese dei balocchi i politici vengono stipendiati 3 volte, da noi, dall’alta finanza (banche/aziende), e dal finanziamento pubblico ai partiti che il “popolo sovrano” aveva eliminato con un referendum ma che ancora oggi fanno di tutto per papparselo.

Uno stato che vive di industria manifatturiera, di piccole aziende, di agricoltura, di energia, di acqua propria, insomma di soldi propri per chi vuole creare un’unica moneta e quindi controllarla non va bene e l’unico modo per asservire gli italiani ad una banca centrale era smontare il paese Italia, rimuovere le sicurezze, creare incertezze e povertà in favore del controllo monetario. Fateci caso quello che è accaduto in Irlanda, Grecia, Cipro, Spagna sta per arrivare anche in Italia, è un domino.

Anche gli stupidi possono capire che, se le aziende in Italia chiudono, ci saranno meno introiti provenienti dalle tasse, di riflesso meno persone che lavorano, inferiori possibilità di far circolare denaro nel paese. Quando vi raccontano di una possibile ripresa economica, vi prendono per i fondelli il PIL non può salire se il paese non produce, non lavora, non spende, non mangia.

Tornando alla Politica, la frase di Rothschild ci indica, come sia stato facile agguantare Italia con un pugno di 1000 uomini, probabilmente collocati in punti strategici, di controllo e gestione, hanno svenduto il paese nell’interesse di chi desiderava una moneta unica e un controllo totale di tutte le risorse.

Che fossero stati politici capaci, incapaci, banchieri, puttanieri, donne di facili costumi, ladri, guerrafondai, hanno comunque raggiunto lo scopo di consegnare il paese in mano ad un’entità sovranazionale, tartassandolo con l’ aiuto degli ultimatum provenienti dalle agenzie di rating che hanno aiutato ad intimorire investitori e cittadini.

Questi personaggi non hanno lavorato per il bene dell’Italia, hanno operato con modi incostituzionali ed inoltre pur vendo depauperato quanto prodotto nel nostro paese dal dopoguerra ad oggi, non sono mai stati allontanati ne’ dalla politica ne’ dalle stanze istituzioni, al massimo dopo una marachella, venivano abilmente nascosti per qualche mese, per poi ritrovarli seduti su quelle poltrone, non le poltrone del parlamento, li non ci sono quasi mai, ma su quelle degli studi televisivi. Alcuni sono ottimi attori, altri molto scarsi. Di più non sanno fare, la colpa è nostra che ci siamo fatti sempre affabulare anziché controllare i loro scempi considerato che non capiscono neanche le leggi che votano. A voi un esempio, saluti.

 

Tags: , , ,

 

About the author

More posts by | Visit the site of Il Folle