La statua di Pasquino il satiro, risponde ai timori della Kyenge

le pasquinate a piazza di pasquino

 

Pasquino: Senta lei, capo, dicaaa, giovineeeeeee!!

Ammazza ‘sto ‘gnorante!

Ma che te butti sti giornali pe’ ‘tera? Roma nun se deve sporcà a sto modo.

E’ vero che oggi c’hanno rovinato ‘sta città, grazie all’impegno assiduo de sti politocrati. Ma na vorta, prima de esse la Capitale d’Italia, qui pe ste strade ce scoreva er sangue de n’Impero che co’ guere giuste e sbajate ha portato ner continente che chiameno Europa la civirtà, er Senato, la Politica

Già, la politica.

Vabbè leggemo ‘n po’ l’unica pagina che se vede perché m’hanno tajato le braccia e manco lo posso sfojà sto pezzo de carta.

Kyenge: la Padania non ‘molla’, il ministro “Italia non è razzista”

Pasquino: ammazza ma che starà a succede a sto paese? chi è sta signora Kyenge e ‘ndo sta a’ Padania? E’ ‘n paese che nun ho mai sentito né visitato, ‘ndo rimane? E’ confinante?

Kyenge: “La politica si alzi, perché in questo modo si uccide la democrazia”

Pasquino: Ma come se fa a dì ‘ste nefandezze? Arzà? la politica? Ma se l’obiettivo è stato sempre quello de nun arzasse mai? Er comannante nun abbandona mai per primo la poltrona. Ah no, quella è la nave.

In questo modo si uccide la democrazia? Ma è già mortaaa!!! Pe’ quello che vedo e sento su sta Piazza e pe’ ‘ste vie, questa è ‘na democrazia mascherata.

Nella democrazia vera è er popolo a sceje, ar massimo se non è democrazia diretta, sarà indiretta come la nostra solo che nun funziona più, s’è rotta!

Qui decideno tutto li politici, i referendum propositivi servirebbero, ma nun li considereno, quelli abrogativi manco a parlanne nun so costituzionali dicheno.

Poi qui tutti se lamenteno che li stipendi so’ bassi, che nun ariveno a’ fine der mese. Solo ‘na categoria ce ariva sempre, la combriccola, la casta, insomma, se semo capiti, quelli che li stipendi se li abbassano quanno sanno che er mese dopo se li raddoppieno.

Kyenge: L’Italia non è’ un Paese razzista” e “nessuno nasce” tale ” Lo si può però diventare”

Pasquino: Ammazza ‘sta ministra, c’ha er sale n’zucca, è ‘na cima, mica è stupida. La matina magna pane e coda de vorpe. Er problema cara ministra, sorge quanno er popolo nato da ‘n Impero, inizia a capì che nun c’ha diritti ner paese suo. Sa che so’ li diritti? So’ quelli che pe’ raggiungeli er popolo ha dovuto combatte pure co’ le mani nude. De sti tempi er cittadino de sto paese nun comanna n’cazzo manco a casa sua.

No, questa la tajamo, d’artronne l’itaiano non c’ha ‘na casa, ma je lo fanno crede, si pecché c’ha 40anni de mutuo co na banca e manco è detto che riesca diventà padrone de casa prima de morì. Er consijo che je posso dà è solo uno: cerchi de trattà ‘sto popolo co li guanti, cerchi de nun calpestà insieme all’ amici sui i diritti de sta gente, perché quanno dice che razzisti ce se po’ diventà è vero e l’aria che tira e che respiro è pesante e no pe’ corpa der popolo ma de chi dovrebbe gestì li dirritti de quest’urtimo. E se ricordi, però che è pure rischioso che chi non nasce politico, ce diventa crescenno pe’ fregà er popolo, e li diventeno cazzi amari!

Tante care cose!

 

 

Tags: , , , , , ,

 

About the author

More posts by | Visit the site of Pasquino