Mistero TITAN, il transatlantico che affondò in un romanzo 14 anni prima del TITANIC, le similitudini tra le due tragedie

Proviamo ad immaginare quante persone hanno visto e rivisto al cinema e in TV, il film TITANIC, diretto da James Cameron, 85 anni dopo la tragedia.

Titanic James Cameron affonda 1997

Poi dopo aver apprezzato il colossal su celluloide, ci troviamo in mano un romanzo datato 1889, scritto da Morgan Robertson dal titolo Futility, or the Wreck of the Titan che tratta la tragedia del TITAN 14 anni prima di quella del TITANIC con molti importanti parallelismi.

Il transatlantico TITAN affondò per aver colpito un iceberg alla velocità di 25 nodi a dritta alla distanza di 400 miglia nautiche (740 km, 460 km) da Newfoundland Terranova nel mese di Aprile nel Nord Atlantico.

Il drammatico affondamento del TITANIC avvenne dopo aver speronato un iceberg alla velocità di circa 22 ½ nodi a dritta alla distanza di 400 miglia nautiche (740 km, 460 km) da Terranova tra il 14 e 15 Aprile del 1912, nel Nord Atlantico.

Entrambe le imbarcazioni, non possedevano abbastanza scialuppe di salvataggio per i passeggeri e furono definite inaffondabili.

Ambedue le imbarcazioni, erano di proprietà britannica avente sede in Liverpool.

passeggeri del TITANIC furono circa 2.223, più della metà, circa 1518 non sopravvissero, mentre quelli nel romanzo Futility erano 2.500 e più della metà non si salvarono.

Il TITANIC aveva una lunghezza di circa 880 piedi, il TITAN di circa 800 piedi

Entrambe le navi possedevano 3 eliche e lo stesso numero di alberi 2.

Ci troviamo di fronte ai nome di due Transatlantici pressoché identici, lampanti anche le similitudini tra i numeri delle due tragedie.

Come è stato possibile che uno scrittore sia riuscito ad immaginare una tragedia che si sarebbe avverata 14 anni più tardi?

Qualcuno racconta che Robertson fù un veggente, altri che il libro sia stato preso come modello o spunto per realizzare un disastro che potesse frenare le migliaia e migliaia di persone che desideravano emigrare dall’Europa verso gli Stati Uniti d’America.

Quello che rimane a noi è sicuramente un mistero.

 

Tags: , , , , , ,

 

About the author

More posts by | Visit the site of Il Folle