12 Maggio 2014: Pericolosi disegni dal cielo

Un saluto a tutti, oggi voglio mostrarvi alcune immagini dal satellite, con le quali mi sono scontrato mentre aggiornavo un’altra sezione del portale, quella delle immagini dal satellite di Maggio 2014.

Porgo la vostra attenzione, su alcune foto facilmente reperibili in rete, precisamente quelle che mostrano pochi scatti e ingrandimenti di quanto è accaduto nei cieli del Mar Mediterraneo il giorno 12 Maggio 2014, (non che solitamente i cieli siano limpidi e sgomberi da scie e velature)

L’immane attività che questi pochi fermi immagine ci mostrano, non sono documentate e raccontate dalle TV e giornali, tutto tace e chi ne parla viene considerato pazzo. Il cittadino “disinformato” non fa più caso a quello che accade sulla propria testa, perché queste “attività” sono state inserite negli ultimi anni quotidianamente, in maniera chirurgica, abituando i nostri occhi a convivere con l’ “anomalia”.

Se non ti accorgi di quel che accade o non te ne vuoi accorgere dovresti almeno porti una domanda: quello che viene rilasciato nei cieli mondiali per scelta di qualcuno è nocivo per l’uomo?

Io credo ed ho paura di si, ma non sono uno scienziato e al solito, lo scoprirò nei prossimi anni, quando inizieremo ad accorgerci di alcune malattie in enorme aumento, quelle neurodegenerative (Parkinson, Alzheimer) e respiratorie.

 

Queste immagini non ci raccontano nuvole frastagliate, spezzate o spostate dai venti, queste immagini ci mostrano un’alta irrorazione nei cieli di scie chimiche.

Durante una giornata come quella del 12 Maggio, non preoccupatevi di prendere l’ombrello se notate che le nubi si raccolgono annuvolando il nostro splendido cielo, preoccupatevi di quello che mangerete, berrete e respirerete i giorni a seguire.

Ricordiamoci che quando si sputa in aria dobbiamo spostarci per far si che non ci ricada in testa, ma se qualcuno ci sputa a nostra insaputa dall’alto senza avvisarci non riusciremo a spostarci per tempo e ci avrà fregato, meditate gente meditate.

 

Tags: , , , , , ,

 

About the author

More posts by | Visit the site of Il Folle