Europa 2020: guerra tra religioni, tra poveri o caos organizzato?

image

Un invasione controllata potrebbe essere il nuovo progetto del Governo ombra, oppure sono solo i presentimenti di coloro che nella rete vengono considerati erroneamente  complottisti?

La massoneria, che secondo Kennedy non dovrebbe esistere in uno Stato e che proprio per aver allertato il suo popolo venne assassinato (altro che mafia), potrebbe avere in programma una guerra tra razze o una guerra tra poveri creando il caos in Europa?

Il Gruppo Bilderberg che si incontra in hotel blindati dal 1954, dove giornalisti e cittadini non possono avvicinarsi, decide le linee economiche che seguirà l’Occidente o i loro summit prevedono anche argomenti diversi che non devono essere raccontati dai cronisti?

Perchè venne organizzato l’attentato dell’11 Settembre 2001 l’attacco al cuore negli Stati Uniti già recidivi con quello di Pearl Harbour? Il primo fu necessario secondo gli storici per dare una dimostrazione al mondo e al povero Giappone della potenza militare e atomica degli USA. Il secondo forse servì solo per attaccare l’Iraq e i paesi canaglia che geopoliticamente non si piegano al volere del Nuovo Ordine Mondiale e per salvare l’economia anglo-americana vicina al collasso facendo sparire dati sensibili disponibili nelle torri gemelle.

Sta di fatto che dopo l’11 settembre sono stati spesi miliardi di dollari da tutti i paesi occidentali per intesinficare controlli sulla popolazione gli spostamenti tra Stati, solo per timore che ci fossero altri attacchi terroristici al cuore di citta’ occidentali. Quegli stessi attacchi da parte di un gruppo al quale capo, c’era l’uomo più pericoloso del pianeta che però era già morto da qualche anno ma che una volta catturato dalle forze USA, venne ucciso (nuovamente?) e il cadavere gettato in mare da una nave USA. Per finire, casualità, tutti o poveri militari che parteciparono alla cattura di Osama sono “morti” seguentemente per cause accidentali.

A differenza di Pearl Harbour, 11/09 è stato sputtanato da video/film e ricerche indipendenti che hanno cozzato contro la teoria ufficiale che ha prodotto i soliti film di propaganda sul grande schermo.

Con un balzo in avanti arriviamo ad un paio di anni fa, sbocciano come per magia i fiori delle primavere arabe, caldeggiate da alcuni (sempre i soliti) paesi occidentali. In queste rivoluzioni organizzate, Egitto, Tunisia, Libia (solo alcuni dei paesi con rivoluzioni ancora in atto) sono stati “deposti” i governi che precedentemente le controllavano nel bene o nel male. Alcuni di questi governi come quello di Gheddafi, possedevano accordi internazionali anche con il nostro paese, sia per le scorte energetiche che per mettere un tappo all’immigrazione clandestina incontrollata verso i paesi dell’area mediterranea. Una volta decaduti l’immigrazione verso le nostre coste si e’ moltiplicata.
L’Italia fa parte dell’Europa oppure e’ la pattumiera d’Europa? Ho come la parvenza che l’Europa e i paesi membri ci stiano lasciando soli senza una regolamentazione dei flussi che parta dall’alto da quel parlamento europeo attualmente inutile. La nostra politica a quanto pare non ha le qualita’ e forse le volonta’ di frenare questa transumanza continua e che ogni giorno e’ evidente fa comodo a qualcuno tranne che al cittadino italiano.

Come è possibile quindi che dopo aver fatto arrivare nei nostri territori clandestini non riusciamo a contenerli, spesso fuggono dai centri accoglienza mettendo a repentaglio la salute e l’incolumita’ degli italiani e di riflesso degli europei con rischio epidemie da malattie infettive d’altri tempi tubercolosi, scabbia o Ebola?

Tornando un passo indietro, dopo pochi anni dall’11 settembre, abbiamo USA, UK, Francia, Germania, e i paesi del nord Europa che attuano controlli ferrei ai confini e negli aereoporti, in continuità con il periodo vissuto nel 2001. L’Italia invece dopo l’11 settembre, tranne che per il primo e secondo anno (forse) è diventato un paese con controlli molto blandi ed offre libero accesso e asilo ai clandestini che pervengono da ogni dove sfruttando le nostre leggi per fare quel che piu gli aggrada e finiamola di dire che questo avviene perchè noi abbiamo il Papa, questa storia è divenuta stucchevole.

Chi, dove e quando è stata decisa questa linea? Se fino a pochi anni fa l’occidente era considerato a rischio terrorismo, come e’ possibile che quest’oggi, tutti gli arrivi di massa dai paesi arabi non preoccupino l’attuale governance europea?

Si vocifera, da parte di quelle persone considerate pazze e che credono nei complotti, forse questo che si sta attuando per dare il colpo di grazia all’Europa, dopo due guerre mondiali e un’attacco finanziario senza precedenti, preparato ad arte per stroncare quel benessere del dopo guerra. Le ricchezze europee sono oramai disponibili e concentrate quasi esclusivamente in Germania nella sua Bundesbank mentre Italia, Spagna, Portogallo, Grecia, Cipro sono divenuti dei contenitori vuoti privi di ricchezza delle enormi scatole di manzotin. In futuro quindi c’e’ un forte timore di rischio scontri, basterà molto poco per accendere la prima scintilla di una guerra tra religioni, di razze o tra poveri. Quella stessa scintilla che non riuscirono ad accendere con l’attentato dell’11 Settembre 2001, i paesi europei allora, non si trovavano sotto una continua immigrazione di massa come avviene da qualche anno. In questo periodo ci potremmo trovare senza accorgersene con fondamentalisti dormienti entrati in clandestinità pronti ad attivarsi nel momento propizio.
Le guerre sono servite ad alcuni per ricostruire e guadagnare, come del resto anche l’attacco economico e il libero mercato che ha polverizzato le ricchezze di una parte del popolo europeo, creando miliardi di danni, causando la chiusura di aziende, la fine della piccola e media impresa italiana oltre che l’accadimento di numerosi suicidi. La mia opinione e’ che la libera circolazione dell’individuo farà molti più danni. In Europa potrebbe iniziare una guerra tra poveri senza precedenti oppure una tra nord e sud ripetendo la guerra di secessione americana. Di una cosa sono quasi certo, siamo già intrappolati in un sistema sfruttato dall’antico Impero Romano e oggi passato di mano al nuovo ordine mondiale il metodo tra i più vecchi del mondo si chiama semplicemente “divide et impera”.

 

Tags: , , , , , , ,

 

About the author

More posts by | Visit the site of Il Folle