Alluvioni? Prima regola non accettare aiuti, aiutati che Dio ti aiuta

Questa mattina dopo aver visto cosa è accaduto a Genova ho avuto un pensiero folle: il controllo del clima per indebolire alcuni Stati.

Sono molte le tesi presenti nella rete web che riguardano le ragioni che avvalorano l’esistenza di un controllo climatico di una o più aree del globo.

Almeno una volta al mese si susseguono bombe d’acqua, inondazioni, alluvioni (vedi Genova, Gargano, Catania, Roma, Marche, Emilia) e i debiti e le richieste di aiuto anche verso le banche centrali aumentano non solo per l’incapacità di coloro che gestiscono i conti (vedi Italia e Grecia)

Lo sa anche un bambino che quando uno Stato è in ginocchio riceve il supporto e aiuti umanitari da altri Stati che si dimostrano solidali verso i primi.

Quello su cui non ci si sofferma mai è che, la maggior parte delle volte, questi aiuti mettono in condizione lo Stato che li riceve ad avere un debito verso gli Stati che offrono il loro aiuto.

Come ripagare quindi un aiuto? Perdendo un pizzico di sovranità nazionale, territoriale o produttiva; ad esempio: uno Stato produce una quantità significativa di acciaio, nel momento in cui si trova in difficoltà a causa di una calamità naturale, riceverà aiuto da parte di un altro Stato (il buon samaritano) che chiederà in cambio il controllo della produzione dell’acciaio.

E se i piccoli stati, una volta indeboliti, perdessero la loro sovranità nazionale? Non sarebbe più facile accorparli creando, nel nostro caso, un unico Stato europeo, con un’unica bandiera, moneta, banca, un unico esercito? Sotto il controllo di un’unica organizzazione supportata da coloro che da 30 anni ricevono in cambio l’immunità e un ottimo stipendio?

In questa pagina sono disponibili le irrorazioni sull’Italia del mese di Ottobre pochi giorni prima del distrastro di Genova casualità?

Forse Kennedy in questo video aveva ragione la sua richiesta di aiuto non è stata recepita, il pericolo che stava crescendo dietro di lui e ai futuri governanti oggi comanda il pianeta in modo incontrollato.

 

 

 

Tags: , , , , , , , , , ,

 

About the author

More posts by | Visit the site of Il Folle