Il Pasquino chiacchiera con un cittadino: la crisi, la mala politica, un racconto in romanesco di quello che i giornali non diranno mai

La decadenza di Roma e l’Italia

il Pasquino e il cittadino

Pasquino: Cittadino!…Cittadino!

Cittadino: aò che mo le statue parleno?

Pasquino: a Roma parleno tutti, che nun lo sai? i primi so’ li politici che dovrebbero parlà de meno e lavorà deppiù

Cittadino: Pasquì nun me parlà de li politici e d’a’ politica lassa perde

Pasquino: Vabbè ma spiegame armeno perché urtimamente li cittadini romani c’hanno sti musi lunghi so’mbronciati, na vorta ereno felici e pomposi sempre a testa arta

Cittadino: Pasquì è proprio pe corpa der politico che ar giorno d’oggi va in televisione, chiacchiera chiacchiera ma alla resa dei conti, der cittadino italiano (ner nostro caso romano) nun je ne frega ‘n cazzo!

Pasquino: ah stamo a sto punto?

Cittadino: forse stamo alla resa dei conti Pasquì ma te sei guardato ‘ngiro? Er tenore de vita s’è abbassato pe corpa de le banche che hanno ‘nventato sta crisi der cazzo. Nun un banchiere hanno arestato, manco uno, solo italiani su er lastrico e tanti suicidi, le conseguenze le stamo a pagà a solo noi.

Pasquino: noi chi

Cittadino: te no che sei ‘n osservatore, ma er popolo sta a pagà li danni della globalizzazione der libero mercato, Pasquì c’hanno biscottato!

Pasquino: ‘nche senso?

Cittadino: sai, anni fa c’hanno fatto crede che er mercato doveva esse libero, che nun ce dovevano stà barriere e frontiere perché tutto sarebbe costato meno. Sai, un po’ come quanno ce raccontarono che arrivate le TV nelli stadi, i bijetti sarebbero costati meno invece co l’Euro so’ aumentati pure quelli. Tornanno a noi, libero mercato, via le frontiere hanno creato la moneta unica che ha portato ricchezza ma solo alla Germagnia, pensa che prima dell’Euro stava sotto de 800miliardi la produzione interna, mo sta sopra de 800miliardi!

Pasquino: vabbè se quarcuno sale n’artro scenne?

Cittadino: e te credo, er problema è che semo noi Pasquì quelli che stanno a scenne. Se stanno a magnà l’Italia, er fatturato della piccola e media impresa è crollato grazie a ‘sta cazzo de globalizzazione, ‘sto paese era fatto de brava gente, de lavoratori che se inventavano n’ attività co niente. Oggi ce stanno a mette sul lastrico. Stanno a delocalizzà er lavoro all’estero. Te la ricordi la FIAT?

Pasquino: si si che me la ricordo quella degli Agnelli…

Cittadino: seee na vorta! Mo è degli Elkann che però c’hanno un italiano che sta a sistemà le cose all’estero

Pasquino: cioè?

Cittadino: ‘na vorta la FIAT era italiana come pure l’Alfa Romeo, la Lancia e la Ferrari, mo’ un italiano ha portato tutto in America… er marchio(nu)nnè più italiano!!

Pasquino: ma l’italiano nun dovrebbe lavorà per paese suo? Ossia er nostro?

Cittadino: così dovrebbe esse in un monno perfetto, la stessa cosa che dovrebbero fa’ pure li politici ‘nvece se fanno li cazzi loro…

Pasquino: vabbè ma tutta ‘sta crisi e ‘sta svendita a che servirebbe?

Cittadino: semplice, te ricordi ‘na vorta? C’avevamo le Pensioni, la Sanità, la Scuola, l’acqua pubblica, er LAVORO! Tra poco sarà tutto privato.

Pasquino: e come fanno?

Cittadino: prima drogheno ‘sti settori, no… non co’ ‘a droga sia chiaro, ma je creano buchi enormi e li portano in deficit, fino ar fallimento. Sti lavoretti de fino li fa gentucola che poi è certa che nun andrà mai in galera anzi prenneno pure le boneuscite milionarie. Na vorta svotati ‘sti contenitori che in passato daveno benessere e sicurezza ar popolo, li chiudeno e te venneno er pacchetto privato che nun sarà mai come quello pubblico che continuamo pure a pagà.

Pasquino: ma perché ortre a incicciottì er privato continuate a pagà pure er pubblico?

Cittadino: e te credo! è ‘n circolo vizioso. Chi la paga sennò la pensione a chi ha raggiunto l’eta pe’ annacce? Ce stanno a fa fa’ la guera tra poveri mentre loro, i soliti noti, co li lobbisti svenneno er Paese. Lo sai, se diceva pure a li tempi tui: divide et impera.

Pasquino: La Sanità?

Cittadino: te ricordi bonanima? Sarà passato pure pe’ sta piazza, aveva sistemato pure quella, ma oggi er cittadino italiano paga pure l’interventi ospedalieri de chi le tasse nun le paga e de chi manco c’ha la cittadinanza italiana. Se noi a pagà la sanità semo 10, ma poi in 100.000 se ne serveno aggratisse, che pensi che succeda?

Pasquino: fallisce?

Cittadino: eccerto che fallisce! Semo diventati la vigna de li cojoni. E de li medici poi nun ne parlamo, tanti de loro so diventati venditori de medicine, ce ne so rimasti pochi che te visitano prima d’empasticcatte. Capito ‘nsomma, er gioco è drogà li settori pubblici pe falli crollà e trasformalli in privati. Hai capito sì? Ce stanno a trasformà in una costola de li Stati Uniti. E forse ho pure capito perché c’hanno apparecchiato la Seconda Guerra Mondiale.

Pasquino: cioè?

Cittadino: er sistema che aveva creato er bonanima, anche se co nummerosi errori, funzionava!! So 70anni che lo stanno a smontà da quanno so ‘rivati l’americani e c’hanno portato la televisione, perché è quella che blocca le masse e le pilota stando comodamente su na portrona.

Pasquino: quella scatola colorata che ogni tanto ce n’è uno diverso che ce parla drentro?

Cittadino: bravo! Proprio quella! Senza sarebbe stato più difficile e ‘nvece è ‘rivata la Tv e pure la P2 che è stata de supporto alla televisione, ha messo li scagnozzi ner sistema nelle stanze de li bottoni, nei sindacati, nei partiti, nei giornali e ahimè nella magistratura, armeno così c’era scritto ner progetto. Da quer momento hanno iniziato a devià le menti e l’interessi der popolo. Pure coi farsi attentati e l’omicidi di personaggi scommodi…eh che te lo dico a fa’… In 70 anni, tanto c’è voluto, l’Italia l’hanno trasformata in un colabrodo. Pasquì, rispetto a quanno ce stavi te, er monno è cambiato è governato da pochi burocrati banchieri che so’ er manico e un pugno de politici che so la padella. Noi invece, semo i pescetti che ce stanno drentro e friggheno. Questi nun c’hanno interesse de fa’ sta bene er cittadino ma fanno quello che je dicheno li poteri forti, quelli che gestischeno la moneta, li chiameno banchieri ma pure massoni.

Pasquino: monsoni?

Cittadino: Ma no quelli so li venti, li massoni so quelli che dicono fanno tutto per un preciso volere dell’artissimo muratore, alla fine però pe fa magnà er muratore stanno a fa crollà tutto pe riprogettà co squadra e compasso

Pasquino: la scuola e l’acqua?

Cittadino: la scuole è ‘ndiscorso lungo che te sintetizzo, so anni che la smonteno, ma secondo te ‘npopolo lo governi mejo se è gnorante o colto?

Pasquino: gnorante?

Cittadino: Bravissimo sei na vorpe, quindi la scuola è tartassata pe avè i prossimi elettori “asini” ‘nsomma che nun capischeno un cazzo così je l’ammischi mejo er mazzo. L’acqua ‘nvece, siccome in Italia ce n’avemo tanta co la scusa dell’inquinamento, ‘ngiorno te diranno nun c’avemo li sordi pubblici pe depuralla e allora la dovemo venne ar mijore offerente e non ce sarà referendum che tenga, troveno sempre er modo pe fregà er cittadino.

Pasquino: e er lavoro?

Cittadino: lì ce sta da ride! Verso l’anni ’90 hanno fatto arivà le agenzie interinali. Queste so’ state descritte come er futuro der lavoro e der lavoratore. Ma er problema è che nun lavorano come quelle che staveno all’estero, hanno fatto ‘mboccà tutti. Sì, perché all’estero te pagaveno deppiù, er lavoratore specializzato in più campi veniva pagato più de quello che sostituiva e je faceveno fa pure li corsi formativi. Qui ‘nvece er lavoratore viene pagato de meno e c’ha pure meno diritti. Co la storia de ste agenzie c’hanno magnato in tanti, hanno iniziato a smontà l’uffici de collocamento e a modificà lo statuto dei lavoratori e li contratti, adesso ce sta er cococò…

Pasquino: che fai la gallina? Me piji per culo?

Cittadino: no no se chiama proprio cococò e la presa per culo ce l’hanno servita loro. Poi ce stanno i contratti a progetto che poi progetto de che, che dopo ‘n po’ de mesi te manneno a casa e manco te poi progettà ‘na famija. Pensa ‘sti pori ragazzi, li chiameno “intestinali”… nun c’hanno futuro.

Pasquino: ma quindi chi lavora?

Cittadino: sicuramente pochi italiani, perché co ‘sto cazzo de libero mercato le aziende italiane o so’ fallite oppure so scappate all’estero. Tanti stranieri riescono a sbarcà er lunario sfruttati fino ar midollo, però sai, co’ la scusa de sottopagalli li famo entrà co li barconi poi li parcheggiamo drentro le città. Ultimamente iniziano a’ esse tanti. Co la scusa de le primavere Arabe hanno fatto decadè li governanti der posto e adesso regna l’anarchia così li confini so aperti e tutti scappeno. Ma de sti pori rigazzi, ce stanno quelli boni e quelli cattivi, così ortre a pochi controlli, ce ne stanno tanti che nun so’ stinchi de santo e ogni tanto delinqueno. Pe nun parlà poi dei rom

Pasquino: e che sarebbero?

Cittadino: ‘na popolazione dicheno nomade, ma che nomade nun è. Se piazzeno a casa tua e nun se ne vanno più. Er bello poi è che dove stanno loro se abbassano li prezzi de le case, li quartieri diventeno meno sicuri, sai… furtarelli, ma so’ fastidiosi. Tanti artri de loro viveno nelle metropolitane a fregà li turisti e le vecchiette. Arcuni te occupeno pure le case, certo, questo lo fa pure quarche italiano. Capisci Pasquì, se noi c’avevamo a Roma 10.000 fiji de ‘na mignotta romani, mo li fiji de ‘na mignotta se so’ mortiplicati pe’ mille e questo mortiplicalo pe’ tutta l’Italia.

Pasquino: vabbè, ma ‘na soluzione?

Cittadino: te dico la verità Pasquì, la soluzione nun la vedo, anzi forse sì ma nun è bella…

Pasquino: perchè?

Cittadino: perché urtimamente se stanno a risvejà li rioni, li quartieri, la gente sta a sbottà e inizia a scenne pe strada pe mannalli via. Si nun ce pensa er Governo a risorve ‘sta situazione, qui tra poco ce sarà ‘na rivoluzione e nun so se basteranno tutte le forze dell’ordine che ce stanno in Italia pe fermà mijoni de cittadini che oramai se senteno presi per culo da armeno 30anni
Vabbè vado a comprà er pane che ancora me lo posso permette, Pasquì spero de rivedette domani…

Pasquino: aò e io spero de no, co’ sti dieci minuti de chiacchiera m’hai mannato ‘n depressione, comunque daje che ce la faremo. Forza Italia!

Cittadino: sta zitto, che c’hanno levato pure er piacere de gridà forza Italia a li mondiali de carcio. Ciao Pasquì care cose…

Pasquino: tante care belle cose pure a tene.

 

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

 

About the author

More posts by | Visit the site of Il Folle

 
  • redfifer

    Non me ne volere da definizione da Accademia, per “romanesco” si intende il mero carciofo, mentre se si vuole intendere come espressione, questa è “volgo romano” o per intendere lo scritto, si descrive: scrivere in “vernacolo romano”.

    • Ciao redfifer e grazie per il tuo contributo. Speriamo arrivi il messaggio anche in “volgo romano” 🙂

  • Ciao redfifer, grazie per il tuo contributo. Speriamo arrivi il messaggio anche in “volgo romano” 🙂