Anche i cieli dei cartoni animati hanno le scie chimiche

Il Chem-Trailer de La Gang del Bosco


I bambini sono il futuro di questo pianeta e allora perché qualcuno ha necessità di addormentare le loro menti?

In questo cartoon “La Gang del bosco” della Dreamworks vengono proiettati numerosi frame che anzichè mostrare un cielo popolato di nuvole voluminose consone ad un cartone animato per bambini, si è scelto di inserire delle scie bianche che tendono ad espandersi, sì proprio come quelle “anomale” rilasciate dagli aerei negli ultimi 15 anni

innocue velature

velature che nascondono il sole

Oggi la maggior parte di quelle scie sono persistenti, non scompaiono in pochi minuti e a quanto pare hanno la funzione di controllare il clima all’insaputa delle popolazioni (non entrerò in merito del perché lo facciano).

Questo progetto di geoingegneria viene attuato nei cieli italiani dal 2002 e può comportare la formazione di bombe d’acqua, tornado, alluvioni ma anche condizioni non così manifeste come ad esempio l’indebolimento dei raggi del Sole necessari alla nostra vita e alla sopravvivenza della Terra.

Proprio grazie ai raggi solari  riusciamo a sviluppare la vitamina D necessaria per combattere malattie come  depressione, sclerosi multipla, cancro.

Vediamo alcuni di questi frame in pillole:

A cosa serve quindi mostrare quelle scie in un cartoon?

Forse per abituare l’occhio del bambino a una cosa apparentemente normale che invece nasconde molti interrogativi che ancora oggi non hanno risposta?

Vi sarete accorti che i bambini dell’ultimo decennio sono molto più attenti di noi, apprendono con più facilità, sono molto curiosi e fanno molte domande.

Queste “pillole visive” sono necessarie perché un domani il bambino, diventato adulto, guardando il cielo non si domandi il perché di quelle strane scie, ormai abituato a immagini di “cieli sporchi”

cumuli normali e velature chimiche anormali

cumuli normali e velature chimiche anormali

 

Tags: , , , , , , , , , , ,

 

About the author

More posts by | Visit the site of Il Folle