Madrid, Bruxelles, Parigi, Nizza: ci etichettano come razzisti ma vogliamo solo proteggere le nostre famiglie

Quanti di voi avrebbero voglia di aiutare i rifugiati?

Quanti di voi vorrebbe che questo aiuto fosse veicolato a casa loro?

Quanti di voi pensano che l’Italia ha fin troppi problemi per sobbarcarsene altri?

Quanti di voi sarebbero anche disposti a fornire un supporto a chi è in difficoltà ma prima forse salverebbe dalle difficoltà la propria famiglia?

Semplici domande che se le ponete a voce alta politici e media vi etichetterebbero come razzisti.

Si perché incondizionatamente dobbiamo aiutare chi ne ha più bisogno, a patto che, aggiungo io, la sicurezza del mio paese, della mia città, della mia famiglia non venga messa in secondo piano.

Quanto accaduto in questo ultimo anno è figlio di quel 11 settembre 2001 giorno in cui i “potenti” hanno deciso di innescare una bomba “virtuale”, un esplosivo che non era presente in Iraq ma che è costato una guerra cercata per globalizzare anche Medio Oriente.

All’epoca forse, si sperava che i cristiani e musulmani venissero alle mani, mentre un altro credo religioso che non voglio nominare attendeva le carcasse dei primi due scivolare lungo il fiume. Ma in quella circostanza non funzionò.

Internet aiutò ad informare a macchia d’olio la bufala dell’11 settembre che costò ahimè la vita di circa 3000 persone ignare del losco progetto e ad altre migliaia di cittadini che stanno ancora cadendo come mosche per aver lavorato in un ambiente infestato da amianto senza che nessuno li mettesse in allerta.

Così mi viene da pensare che quest’oggi è nato un nuovo metodo per portare allo scontro le due fazioni religiose, un attacco al cuore dell’Europa. Tornando alla prima parte del mio pensiero, tutti noi vorremmo aiutare ma c’è un MA. A patto che la nostra sicurezza non venga intaccata e invece il gioco è proprio quello destabilizzare l’Europa e i suoi cittadini perché per fare un ‘Europa unita è necessario creare quella coesione che oggi non esiste.

Così iniziano gli attentati Madrid, Bruxelles, Parigi, Nizza, Monaco…proseguiranno? Ho paura di si perché dopo la BREXIT l’Europa è ancor più in declino.

Oggi però le masse si stanno risvegliando, nazionalismo non significa razzismo bensì difendere noi stessi quando non lo fanno i governi. L’Europa con questo buonismo importa si povere persone ma anche cellule travestite da rifugiati.

A questo punto perché proseguono con questa tattica?

L’ho scritto poco fa, creare coesione. La strage di Nizza ha, come l’11 settembre, lati oscuri guardate ad esempio il video che mi hanno postato, video interessante e ovviamente censurato. Dopo aver visto il video, vi consiglio di leggere l’ articolo di Marcello Foa che non è un complottista.

Ebbene Foa nel suo articolo ci racconta che a Nizza, saranno CANCELLATE tutte le prove video dell’attentato, su richiesta della Magistratura, quasi come accadde 11 settembre 2001, da allora infatti (sono passati 15 anni) stiamo ancora aspettando i video filmati del presunto aereo che cadde sul Pentagono.

Nell’articolo Foa inoltre scrive:

L’avvocato del Comune, Philippe Blanchetier, annuncia che il Comune non solo denuncerà il decreto ingiuntivo che ha ricevuto, ma che si appresta anche a chiedere al procuratore di Nizza di sequestrare queste immagini “al fine di non compromettere eventuali altre procedure che possano emergere al di là delle indagini anti-terrorismo attuali”.

Una città si rivolta contro lo Stato centrale. Dice no a un’ingiustizia. Senza precedenti!

Inoltre è una casualità sicuramente, il Jobs Act francesce che è costato mesi di sciopero nazionale sia stato approvato il 21 luglio 7 giorni dopo la strage di Nizza mentre il popolo francese era occupato a pensare alla propria sicurezza.

Strano vero? No, non credo, penso abbiano approfittato della situazione.

Che ci sia un pizzico passatemi il termine di inganno da parte dei politici europei lo noto anche da questa intervista di Renzi, in cui si imbarazza alla domanda della giornalista “l’Italia finanzia i terroristi?” . Una persona sicura di se e certo di non dire una balla non tentenna, invece, guardate il  VIDEO …

Inoltre, un elemento che mi fa pensare abbia detto non il vero, è quando prima di rispondere guarda in alto a destra, per i destrorsi quando si guarda in alto a destra si sta inventando una una risposta, mentre poi, quando il suo sguardo punta in alto a sinistra cerca di utilizzare la logica per spiegare una non verità.

Non so se alcuni governi siano collusi, di certo governare con il supporto del terrore e del caos aiuta anche il governo più sgangherato, noi italiani dobbiamo iniziare a preoccuparci quindi?

 

 

IlFolle

 

Tags: , , , , , , , , , , , ,

 

About the author

More posts by | Visit the site of Il Folle